RT Versatility 4 - шаблон joomla Авто
   

Cerca nel sito

Perché iscriversi?




Ztl... Adesso abbiamo eliminato il traffico ed abbiamo l'aria pulita. Peccato che i commercianti stiano morendo e con loro le loro famiglie

 

Ztl... Adesso abbiamo eliminato il traffico

ed abbiamo l'aria pulita.

Peccato che i commercianti stiano morendo

e con loro, le loro famiglie

 

Ho un amico commerciante romano. Ha una un negozio a pochi passi da Il Messaggero a largo Tritone, nel centro di Roma. Mi ha raccontato la sua domenica di lavoro del 22 dicembre 2013.

“Ho aperto alle dieci di mattina, già stanco dopo aver attraversato la città piena solo di nebbia. Tanta nebbia immersa in un deserto. Le strade erano vuote di auto e di persone. Ero talmente insonnolito da sembrare un alcolizzato”. Cumuli d’immondizie occupavano gran parte della strada a causa dei turisti e dei cortei delle varie manifestazioni di protesta (negli ultimi 365 giorni, 375 cortei!).

Alle ore undici l’unico elemento che attirava la sua attenzione erano due piccioni che sulla corsia preferenziale di via del Traforo “azzannavano” voracemente un pezzo di pizza gettato in terra da qualche maleducato. Si chiedeva quando sarebbero arrivati gli ausiliari del comune a infliggergli le multe relative.

Alle dodici, non vedendo ancora un cliente, aveva cominciato a contare i pullman dei turisti che arrivavano in via del traforo dove si fermavano per la visita alla Fontana di Trevi. Alle dodici e trenta al centotreesimo pullman si era addormentato. Allora non è necessario contare le pecore? Vanno bene anche i pullman!

Mentre sonnecchiava si chiedeva “perché io romano non posso entrare in centro con la mia autovettura dopo averla pagata insieme all’assicurazione, al bollo, al bollino blu, alla revisione, ed a centinaia di altri balzelli comprese le multe… e davanti ai miei occhi passano almeno seicento pullman al giorno? Pullman che vomitano ogni sorta di fumi neri nauseabondi e cancerogeni?”.

Alle tredici e quindici riapriva gli occhi e la situazione era radicalmente cambiata. Ancora nessun cliente, però la nebbia era scomparsa e i piccioni che continuavano il loro pasto sulla corsia preferenziale erano divenuti cinque e nessuno portava addosso una multa! Evidentemente nel codice della strada ci deve essere scritto che i piccioni non sono multabili.

Alle quattordici si vede il primo cliente. Nei primi cinque minuti sospettava fosse un miraggio, ma i centocinquanta euro incassati permettevano al registratore di cassa di strillare, con una certa soddisfazione, che esisteva anche lui.

Il sole cominciava a calare. La pioggia timidamente appariva mentre decideva se trasformarsi in neve o piovere con decisione. La fuga dei cinque piccioni dalla corsia preferenziale annunciava che la decisione era ormai presa. Acqua, cominciava a cadere mentre scendeva anche il buio.

Solo e sconsolato il mio amico ha aspettato l’ora di chiusura per andare a casa. Mentre con la sua motocicletta effettuava il trasferimento inzuppandosi di acqua si ricordava di quanto letto sui giornali: “La chiusura del centro storico porterà un’aria più pulita risolvendo l’inquinamento. Questo e altri interventi di riqualificazione dell’arredo urbano riporteranno il centro storico di Roma ai livelli della dolce vita”. Ripensandoci quasi cadeva dentro un’enorme buca in cima a via veneto. Lasciata senza riempimento, scavata per l’impianto di terra dell’albero di Natale che arreda la parte alta di Via Veneto. Nessuno ha sentito le sue maledizioni mentre a fatica era riuscito a non cadere in terra. Nessuno perché a via veneto non c’era nessuno!

Però l’hanno arredata. E la legge 626 con la terra era rispettata. E l’aria era più pulita. Peccato che i commercianti stiano morendo. Non d’inquinamento. Muoiono arredati. Muoiono tra la più piena sicurezza nel posto di lavoro, ma muoiono!

“E’ giusto tutto questo? “ gli ho chiesto. “Credo di no.”

A casa, mi ha raccontato la moglie, si è steso sul divano e si è addormentato.

L’hanno trovato la mattina sorridente. Chiesto il perché del sorriso, la risposta fu: “Ho sognato i natali di quindici anni fa. La confusione, i clienti, i pacchetti, le luci, i marciapiedi pieni zeppi da dover camminare in strada tra un’autovettura e l’altra, la gioia e le grida dei bambini. Allegria… era allegria, era gioia di vivere, di passare le feste vendendo e comprando per la felicità delle nostre famiglie. Sono tornato bambino. E’ stato bello”.

 

Arch. Alessio Russo

Presidente Nazionale ASSO PREZIOSI ITALIA

Federazione Nazionale Gioiellieri, Orafi, Argentieri, Orologiai, Articoli da regalo, arredo e dei servizi a loro riservati

 

Articolo per WWW.DAZEBAONEWS.IT         28 dicembre 2013